Uva Nebbiolo: le origini del vino piemontese più conosciuto

Nebbiolo, uno dei vini più famosi di Alba e dell’intero Piemonte.

 

Nebbiolo-vino

Il Nebbiolo si utilizza esclusivamente per la produzione di vino, che, con la sola uva Nebbiolo, dà origine ad un vino di elevato spessore e carattere. Presenta un colore rosso granato, con un profumo unico, che si mischia tra frutti di bosco, spezie ma anche foglie di tabacco e cuoio.

Al palato, il vino Nebbiolo ha un gusto molto forte, potente, che oggi viene raffinato dai vinificatori grazie alla scelta del legno delle botti di maturazione.

L’origine del nome Nebbiolo

Sembra che le origini di questo vino risalgano fin dal Medioevo, dove si ha la prima traccia, nel 1268, di vitigni piemontesi detti “Nibiol“. Successivamente, in un documento del ‘600 si trovarono elencate tutte le varietà di uve a bacca nera del Piemonte, tra cui appunto si inseriva il Nibiol. Grazie a personaggi illustri nella letteratura e della nobiltà piemontese, nel corso dell’Ottocento il vino Nebbiolo viene elevato a vitigno simbolo delle Langhe. 

A proposito del curioso nome del vitigno, esistono diverse possibili etimologie sul nome, di cui una è legata alla presenza di pruina sulla buccia degli acini quando sono maturi che, appunto, li fa apparire coperti di “nebbia“. Un’altra probabile origine, invece, si riferisce al tempo della maturazione dell’uva Nebbiolo, che avviene proprio quando iniziano a comparire le prime nebbie sulle colline. 

A proposito, il nostro Nebula Nebbiolo Monferrato DOC lo conosci già?

Vitigno del Nebbiolo, un legame potente con il Piemonte

L’uva Nebbiolo nasce da vitigni che possono ben adattarsi a diverse situazioni, anche se rimane sempre legato al Piemonte e a diverse aree di produzione, tra cui Monferrato DOC, Nebbiolo d’Alba DOC e Piemonte DOC tra le denominazioni più conosciute. Tuttavia, esistono produzioni di Nebbiolo anche in altre zone d’Italia, come la Lombardia e la Valle d’Aosta.

L’uva Nebbiolo presenta quasi sempre delle caratteristiche uniformi, come il grappolo dalla forma compatta e allungata, e gli acini medio-piccoli, rotondi, la cui buccia è sottile ma resistente e, appunto, presenta un’opacità data dalla pruina.

Il vitigno matura lentamente, con tempi così lunghi da esporlo a tutte le condizioni atmosferiche da una parte, ma dall’altra, permette anche all’uva di sviluppare il suo carattere unico e deciso. La vendemmia è una delle ultime, dato che inizia solo nella seconda metà di ottobre e può arrivare fino agli inizi di novembre.

Ora che sai tutto (o quasi) sul Nebbiolo, non resta che assaggiarlo! Se vuoi, trovi il nostro Nebbiolo di Cascina San Pietro anche su GeMiTo!

 

Se ti è piaciuto il nostro articolo, allora lasciaci un like alla pagina ufficiale di Facebook Uvamatris! Non ti perderai più nessuna news sui vini del Monferrato!

Condividi:
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us

Add a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[:it]

[:]