Cosa fare quando il vino sa di tappo

A volte capita che il vino abbia un odore sgradevole, come di carta bagnata, e sappiamo che sa di tappo. Questo fastidioso odore è causato da un fungo, Armillaria Mellea, che si sviluppa nel sughero. Non si può notare fino a quando la bottiglia è stata aperta e può capitare a qualsiasi vino, anche ai più pregiati. Purtroppo, se non si è al ristorante ma si tratta di una bottiglia acquistata tempo prima, non si può rimediare, ma il vino può essere rvino-sa-di-tappoecuperato.

 

Cosa non fare

Non berlo in nessun caso. In alcuni casi si suggerisce di utilizzarlo per cucinare, in quanto l’odore evapora con il calore. Serve però una lunga cottura, e non è sicuro che l’odore sparisca del tutto.

Cosa fare quando sa di tappo

Anziché gettarlo, il vino si può utilizzare per disinfettare frutta e verdura in aggiunta all’acqua: grazie all’alcool contenuto potrà eliminare molti tipi di batteri. Nel caso di vino bianco, può essere utile per pulire il piano cucina, oppure per smacchiare i tessuti. In particolare, il vino bianco aiuta ad eliminare le macchie del rosso. In alternativa, si può utilizzare il vino come fertilizzante, che renderà piante e fiori rigogliosi.

Condividi:
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us

Add a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[:it]

[:]