I vini Rosé

rosé

Il  rosé è un tipo di vino che incorpora parte del colore delle bucce, ma non abbastanza da qualificarlo come vino rosso.

E’ probabilmente il tipo di vino più antico conosciuto, poiché è il metodo più semplice da realizzare,  attraverso il contatto con le bucce. Il colore rosa può variare a seconda delle varietà utilizzate e delle tecniche di vinificazione. Sono tre i metodi principali per produrre il vino rosé. La maggior parte dei rosé  parte dalla macerazione come un vino rosso. Dopo la raccolta, l’uva sta a contatto con le bucce 12-48 ore, finché è del colore desiderato, poi  viene pressata e il mosto fermenta senza bucce.

Il secondo metodo più diffuso è il «saignée» o salasso, che consiste nell’iniziare la vinificazione in rosso e poi separare la parte più colorata del vino (dal fondo della botte): la parte chiara sarà un rosato e quella scura un vino rosso. Con questo sistema il vino rosso perde parte di colore e composti fenolici. Il sistema meno diffuso – e proibito in tutta la Francia tranne che in Champagne – è l’assemblaggio di un vino bianco e uno rosso per ottenere il rosato.

Condividi:
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us

Add a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[:it]

[:]