Export vino: Oriente “pazzo” delle bollicine made in Italy

Nonostante la crisi, la qualità e la tradizione dei prodotti vitivinicoli italiani sembra conquistare ancora oltreconfine. In particolare, sono le bollicine, gli spumanti made in Italy a giocare il ruolo di protagonisti nell’export.

Nel primo semestre 2012, si è registrato un aumento del 6,6% in volumi e un +9,2% in valore. A sorprendere e a garantire soddisfazioni agli addetti ai lavori, soprattutto, il mercato orientale. Infatti, è in Asia che si registra l’incremento più significativo della richiesta, con ben due milioni di bottiglie in più consegnate rispetto all’anno precedente. Giappone ed estremo oriente fanno registrare un +11% in volumi e un +20% in valore agli spumanti italiani.

I dati sono stati snocciolati da Giampietro Comolli, a capo dell’Osservatorio economico vini effervescenti spumanti italiani (Ovse), che ha “riassunto”, cifre alla mano, il bilancio del primo semestre 2012.

 

Condividi:
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us

Add a comment

[:it]

[:]