Nei tagli del caro spesa anche il vino

A rivelarlo è la Cia – Confederazione Italiana Agricoltori, che ha commentato i dati sviluppati dall’Istat a riguardo i tagli che hanno colpito la borsa della spesa nel 2010.

Tra rinunce e necessità il 35% della popolazione italiana non ha rinunciato al menù d’abitudine, ma ha optato per prodotti di qualità inferiore, mentre quattro famiglie su dieci hanno dato un taglio netto alle proprie spese sulla tavola, modificando di conseguenza le proprie abitudini alimentari.

Tra gli alimenti a cui si rinuncia più facilmente ci sono la carne bovina, il pane, l’olio e anche il vino, con meno il 35% degli acquisti.

Se non vuoi rinunciare alle tue abitudini alimentari e continuare ad assaporare il gusto corposo del vino italiano, in un rapporto qualità/prezzo vantaggioso e per tutte le tasche, avvicinati ai produttori di Uvamatris. Oltre ad apprezzare il frutto dei vigneti piemontesi, la soddisfazione del palato sarà intensificata da un acquisto consapevole e di qualità, che ti permetterà di mantenere il buon gusto italiano in tavola.

 

Condividi:
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us

Add a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

[:it]

[:]