Il vino fa buon sangue

Lo dice un vecchio detto contadino. E lo conferma uno studio condotto dai Laboratori di Ricerca dell’Università Cattolica di Campobasso, in collaborazione con centri di ricerca europei partecipanti al progetto IMMIDIET.
I risultati, pubblicati a gennaio dalla rivista American Journal of Clinical Nutrition (www.ajcn.org), mostrano come un consumo moderato di alcol (un bicchiere al giorno per le donne, due per gli uomini) aumenta la concentrazione di omega-3 nel sangue e nei globuli rossi.
1.604 le persone esaminate provenienti da tre diverse aree geografiche: sud-est di Londra, Limburgo in Belgio e la regione italiana Abruzzo.
Lo studio si spinge ancora più in là, confrontando l’assunzione di vino con altre bevande alcoliche.
I dati emersi evidenziando una presenza particolarmente forte e significativa dei livelli di omega-3 nell’organismo, rispetto alle altre bevande. Questo farebbe pensare che si siano altre sostanze presenti nel vino, oltre all’alcol, che possano essere associate con l’aumento delle concentrazioni di acidi grassi omega-3. La possibilità che si tratti dei polifenoli – sostengono i ricercatori – è tutt’altro che remota. Sarebbe questa una svolta epocale, dal momento che i polifenoli non erano stati finora associati ai livelli di acidi grassi omega-3 nel sangue.

Condividi:
  • email
  • RSS
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us

Add a comment

[:it]

[:]